Home 9 Circolari 9 AUTO E VEICOLI IN USO AI DIPENDENTI E AGLI AMMINISTRATORI

AUTO E VEICOLI IN USO AI DIPENDENTI E AGLI AMMINISTRATORI

da | Feb 18, 2019 | Circolari

La concessione in uso di veicoli aziendali ai collaboratori dell’impresa (intesi in senso ampio, come dipendenti e/o collaboratori) è fenomeno assolutamente diffuso nella pratica quotidiana e, per conseguenza, deve essere attentamente gestito per le numerose ricadute contabili e fiscali che può determinare, anche nell'ambito delle Agenzie Viaggi.

Al fine di comprendere una distinzione basilare, appare indispensabile chiarire che l’uso del veicolo può essere:

  • per uso esclusivamente aziendale. Si verifica qualora l’utilizzo del veicolo sia esclusivamente finalizzato al compimento di missioni aziendali, senza poter essere utilizzato per finalità private (anche minimali) del soggetto. Pertanto, il veicolo dovrà essere lasciato in azienda al termine della giornata lavorativa e non potrà essere utilizzato, ad esempio, per recarsi al domicilio dell’utilizzatore. Mancando qualsiasi utilità privata, non si produce alcun benefit;
  • per uso promiscuo aziendale e privato. Si concede l’uso del mezzo non solo per le finalità aziendali, bensì anche per quelle private. Ne consegue, ad esempio, che l’utilizzatore potrà servirsi del mezzo non solo per il tragitto casa – lavoro, bensì anche per la gita domenicale e per le vacanze estive. Esiste una parziale utilità privata, determinata in misura convenzionale secondo le tariffe Aci;
  • per uso esclusivamente privato. Il veicolo rappresenta un vero benefit, nel senso che non serve per lo svolgimento dell’attività lavorativa e, per conseguenza, sostituisce in toto una parte della retribuzione. Il valore di tale attribuzione è determinato sulla base del valore normale.

 

Auto per utilizzo esclusivamente aziendale

Non ci si deve soffermare in modo particolare su tale casistica, in quanto va gestita con le usuali regole tributarie.

In definitiva:

  • il costo di acquisto rileva nella misura massima consentita dalla norma, quindi 18.076 euro;
  • il costo di acquisto e di impego si deduce nella misura indicata dall’articolo 164, Tuir (normalmente 20%);
  • l’Iva risulta detraibile nella misura del 40%.

I costi andranno contabilmente imputati secondo la loro natura, pertanto (ad esempio):

  • i carburanti tra i costi di acquisto (voce B6);
  • le manutenzioni e le assicurazioni tra le spese per servizi (voce B7).

Appare opportuno che, al fine di prevenire contestazioni in merito ad eventuali violazioni al codice della strada, sia tenuto un registro sul quale annotare i dati del soggetto che utilizza il mezzo in un determinato giorno, affinché il medesimo si renda custode dello stesso e si assuma la responsabilità di eventuali infrazioni.

 

Auto per uso promiscuo aziendale e privato

La casistica è quella che consente il maggiore vantaggio fiscale e, per conseguenza, richiede di alcune cautele che sarà bene rispettare:

 

Devi essere registrato per continuare a leggere l'articolo

Visita la pagina di iscrizione per maggiori informazioni

Altri argomenti della stessa categoria

POTREBBE INTERESSARTI

Presentazione delle autocertificazioni attestanti gli importi necessari per la concessione dei contributi de minimis: Scadenza 8 marzo 2024!

Attenzione all'imminente scadenza dell'autocertificazione attestante gli importi dei contributi ricevuti per chi eccede i limiti de minimis, cioè per chi ha...

Fatture estere ricevute da fornitori: integrazione IVA e autofattura?

Sono a chiedervi chiarimenti in merito agli adempimenti da compiere di fronte alla ricezione di una fattura estera per acquisto di servizi...

Il concordato preventivo biennale: convenienza anche per gli operatori del turismo?

La Legge Delega di riforma fiscale ha previsto l’introduzione del c.d. “concordato preventivo biennale”, mediante il quale il fisco proporrà al...

Modifiche successive nelle pratiche e fatturazione commissioni

Nell'attività di intermediazione inerente alla vendita di crociere ci ritroviamo spesso a modificare le pratiche diverse volte per aggiunte o...

Compagnia aerea low cost non rilascia fattura: può costituire pacchetto turistico 74ter?

Nel caso in cui prenoto un hotel e un volo low-cost ma la compagnia di volo non mi rilascia nessuna fattura (ultimamente una low-cost...

Pratiche in intermediazione: come gestire i documenti elettronici ricevuti?

Con la presente vi chiediamo dei chiarimenti circa il trattamento contabile delle pratiche di intermediazione.Nello specifico caso in cui la...

LA LEGGE DI BILANCIO PER IL 2024

La L. 213/2023, c.d. Legge di Bilancio per il 2024, è stata pubblicata sul S.O. n. 40/L della Gazzetta Ufficiale n. 303 del 31 dicembre 2023. La Legge si...

I bonifici ricevuti da Viator, Get Your Guide ed altri booking system sono da fatturare?

Avrei bisogno di comprendere come considerare fiscalmente i bonifici che ci arrivano da Viator, Get Your Guide e dal booking system che...

Commissioni su crociere: vanno fatturate? Quale regime IVA va applicato?

Vi chiedo alcuni chiarimenti sulle commissioni riconosciute dalla vendita delle crociere. MSC o Costa inviano alla nostra agenzia di viaggio...

VERSAMENTO DELL’ACCONTO IVA PER L’ANNO 2023

Entro il prossimo 27 dicembre 2023 i soggetti che eseguono le operazioni mensili e trimestrali di liquidazione e versamento dell’Iva sono tenuti a versare...