Home 9 Circolari 9 Voucher per annullamento a seguito di Coronavirus e trattamento fiscale

Voucher per annullamento a seguito di Coronavirus e trattamento fiscale

da | Mar 27, 2020 | Circolari

Come noto, l’art. 28 del Decreto Legge n° 9 del 2 marzo 2020 ha introdotto i “voucher” come possibilità alternativa al rimborso dei titoli di viaggio / pacchetti turistici / servizi turistici annullati dai clienti viaggiatori.

Questa è una disposizione in deroga del codice del turismo: la scelta spetta all’organizzatore che può offrire al viaggiatore un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore, può procedere al rimborso nei termini previsti dai commi 4 e 6 dell’articolo 41 del decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79, oppure può emettere un voucher, da utilizzare entro un anno dalla sua emissione, di importo pari al rimborso spettante.

Tali voucher rientrano nella definizione di “buono-corrispettivo”, regolamentato dagli artt. da 6-bis a 6-quater e art. 13, comma 5-bis, del DPR n. 633/721 e che abbiamo ampiamente trattato in questo nostro articolo:

Ora: i voucher emessi a norma dell’art. 28 del DL 9 del 2 marzo 2020 rientrano a tutti gli effetti nella definizione di “voucher multiuso” essendo evidente il fatto che il cliente viaggiatore, entro 12 mesi, potrà scegliere un prodotto equivalente o superiore nel valore, ma con caratteristiche (di territorialità, di trattamento fiscale e quant’altro) diverse rispetto all’acquisto originario.

Nel caso in cui sia già stata emessa fattura al cliente: per le fatture già emesse per viaggi non fruiti e annullati, si potrà quindi procedere allo storno della fattura tramite nota di credito.

Nel momento in cui viene emesso il voucher al cliente, non dovrà essere emesso alcun documento in quanto trattasi di operazione fuori campo Iva, ai sensi dell’art. 3, comma 3, del DPR n. 633/72: in tal caso, qualora lo si desideri, potrà essere emessa fattura con tale causale IVA.

Nel caso in cui NON sia stata già emessa fattura al cliente: non dovrà essere fatto alcunchè, se non emettere, qualora voluto, fattura fuori campo IVA art. 3 comma 3 DPR 633/1972 per il valore del voucher emesso.

Successivamente, all’atto dell’utilizzo del voucher per la prestazione di servizi, verrà emessa fattura nei confronti del cliente ai sensi dell’art. 74-ter DPR n. 633/72, se il cliente usufruirà di un pacchetto turistico, oppure fattura in regime IVA ordinario, con le relative causali IVA, se il cliente deciderà di usufruire di un servizio singolo o comunque di un servizio turistico non trattabile in regime IVA 74ter.

Altri argomenti della stessa categoria

POTREBBE INTERESSARTI

Pacchetto turistico con acquisti da fornitori esteri: quali adempimenti?

Buongiorno, ho organizzato un pacchetto di turistico comprensivo di voli, trasferimenti e prenotazione Euro Disney, ho ricevuto fattura...

Deve essere applicato il bollo sulle fatture 74ter?

per le pratiche 74ter EXTRAUE di valore...

Prenotazione hotel con Bedsonline: come fatturarlo al cliente?

Cliente straniero mi chiede prenotazione alberghiera per un gruppo a Barcellona, che effettuo al netto tramite Bedsonline (provider...

Come compilare al dichiarazione IVA per i costi 74ter esteri gestiti in reverse charge?

Nell’anno 2023 abbiamo iniziato a gestire i costi 74ter di fornitori esteri (ue e fuori ue) con reverse charge (integrazione/autofattura) ,...

Ritenuta sulle provvigioni assicurative dal 1 aprile 2014?

Le compagnie assicuratrici con la quale collaboriamo come Agenzia Viaggi per l'emissione delle polizze annullamento e sanitarie ci ha inviato...

Soggiorno in Italia prenotato attraverso operatore estero: necessario aggiungere IVA?

Il nostro corrispettivo su un soggiorno in Italia prenotato attraverso operatore con sede all'estero va registrata aggiungendo comunque IVA o...

IL CONCORDATO PREVENTIVO BIENNALE

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.Lgs. 13/2024, è stata data attuazione alla Legge delega per la Riforma fiscale (L. 111/2023) in materia di...

CONVERTITO IL MILLEPROROGHE

Il D.L. 215/2023, rubricato “Disposizioni urgenti in materia di termini normativi”, e ribattezzato c.d. Milleproroghe è stato convertito con L. 18/2024,...

Pratica in parte al netto ed in parte intermediata: come gestirla?

Necessiterei  di un parere di natura fiscale in merito al seguente quesito riguardante acquisto di servizi turistici in parte in...

Presentazione delle autocertificazioni attestanti gli importi necessari per la concessione dei contributi de minimis: Scadenza 8 marzo 2024!

Attenzione all'imminente scadenza dell'autocertificazione attestante gli importi dei contributi ricevuti per chi eccede i limiti de minimis, cioè per chi ha...