Home 9 Come gestire una pratica di... 9 Cosa deve fare il cliente che vuole utilizzare il Bonus Vacanze

Cosa deve fare il cliente che vuole utilizzare il Bonus Vacanze

da | Giu 18, 2020 | Come gestire una pratica di...

In questo nostro articolo abbiamo riassunto le caratteristiche del bonus vacanze e come utilizzarlo:

Nel caso però vogliate fornire ai vostri clienti, che si recano presso la vostra agenzia viaggi, delle indicazioni su COME poter avere accesso al Bonus Vacanze, in questa guida riepiloghiamo i passaggi che il cliente turista deve seguire per potersi vedere accreditato il proprio Bonus Vacanze.

Come si richiede il bonus: l’app IO


Per richiedere l’agevolazione, il cittadino deve – preventivamente – aver installato ed effettuato l’accesso all’applicazione per smartphone, denominata IO, l’app dei servizi pubblici, resa disponibile gratuitamente da PagoPA Spa.

La richiesta del bonus vacanze può essere effettuata, tramite la app IO, da uno dei componenti del nucleo familiare, in possesso di identità digitale SPID o di Carta di identità elettronica (CIE 3.0):

• il Sistema pubblico di identità digitale (SPID) permette di accedere a tutti i
servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica identità digitale.
SPID è composto da un nome utente e una password ed è utilizzabile da
computer, tablet e smartphone. Tutti i cittadini maggiorenni possono ottenere SPID, scegliendo tra diversi fornitori di identità digitale (identity provider) abilitati.
Al link https://www.spid.gov.it/richiedi-spid è possibile consultare l’elenco dei fornitori di identità SPID e le modalità di rilascio dell’identità digitale previste da ciascuno. Si segnala che al momento, in considerazione dell’emergenza da Coronavirus e delle conseguenti misure di distanziamento sociale, diversi provider forniscono gratuitamente la possibilità di riconoscimento da remoto.

• la Carta di identità elettronica (CIE) è il nuovo documento identificativo a cui è associato un Pin di 8 cifre, che permette di accedere ai servizi digitali della Pubblica amministrazione.
Le prime 4 cifre del Pin vengono fornite al cittadino dall’ufficio dell’anagrafe comunale al momento della richiesta di emissione della Carta d’identità elettronica (si veda di seguito la figura 1), mentre le ultime 4 cifre vengono recapitate al cittadino con la raccomandata contenente la CIE (figura 2).
Qualora il cittadino abbia smarrito il Pin associato alla CIE, può chiederne la ristampa all’ufficio dell’anagrafe comunale.

Al primo accesso, dopo l’autenticazione con SPID o CIE (versione 3.0), l’app IO chiede all’utente di impostare un codice di sblocco (PIN) ed eventualmente una delle funzionalità di riconoscimento biometrico (impronta digitale o riconoscimento del volto) disponibile sul proprio dispositivo. In seguito alla prima registrazione, l’utente può accedere a IO direttamente digitando il PIN da lui scelto o tramite riconoscimento biometrico.

LA RICHIESTA
A partire dal 1° luglio 2020, uno dei componenti del nucleo familiare può accedere alla funzione per richiedere il bonus Vacanze disponibile nella sezione “Pagamenti” dell’app IO.

Prima di procedere con la richiesta, l’app IO mostra una pagina di dettaglio sul funzionamento e le regole del bonus Vacanze, che include i Termini e condizioni d’uso e le Privacy policy specifiche del bonus, per presa visione da parte dell’utente.
In seguito, attraverso un collegamento con la banca dati dell’Inps, l’app IO verifica che il richiedente sia in possesso di tutti i requisiti necessari e comunica al richiedente l’esito del riscontro, con un messaggio in app.

Dalla verifica possono emergere cinque situazioni:
• Caso 1: richiesta valida
L’app IO invia all’utente una conferma della validità della richiesta,
comunicando l’importo massimo dell’agevolazione spettante e l’elenco dei
componenti del nucleo familiare che, oltre al richiedente, potranno spendere il bonus. Il richiedente può quindi confermare l’attivazione del bonus e, da questo momento, non sarà più possibile annullare la richiesta.

• Caso 2: richiesta valida ma bonus già attivato sullo stesso nucleo familiare
Se risulta già attivato il bonus per lo stesso nucleo familiare di cui il richiedente fa parte non si potrà procedere con la richiesta. In questo caso, il richiedente – e ogni altro componente dello stesso nucleo familiare che abbia un account attivo su IO – può visualizzare i dati relativi al bonus già attivo per il nucleo familiare nella sezione “Pagamenti” dell’app, dove rimarrà disponibile fino all’utilizzo da parte di uno dei componenti.

• Caso 3: richiesta valida ma DSU con omissioni o difformità
L’app IO informa il richiedente circa l’esito positivo della verifica sui requisiti ma avverte che la DSU presenta “omissioni o difformità” e che, una volta speso il bonus, l’utilizzatore sarà chiamato a fornire idonea documentazione per provare la completezza e la veridicità dei dati indicati nella DSU. Il richiedente può decidere di proseguire comunque con la richiesta o annullarla.
In caso di annullamento, l’utente potrà richiedere nuovamente il bonus in un secondo momento.


• Caso 4: soglia ISEE superata
Un messaggio sull’app IO avvisa che l’ISEE del nucleo familiare del richiedente supera la soglia di 40.000 euro e che pertanto non è possibile procedere con la richiesta.


• Caso 5: DSU assente
Per il richiedente non risulta presentata una DSU in corso di validità: un
messaggio sull’app IO avvisa l’utente della necessità di presentare la DSU per il calcolo dell’ISEE e, solo successivamente, di ripresentare la richiesta di accesso all’agevolazione.

Nei casi in cui l’utente sia risultato idoneo a ricevere il bonus (casi 1 e 3), dopo aver visualizzato l’anteprima del bonus vacanze, può confermare la sua richiesta e deve attendere che l’app IO comunichi l’attivazione del bonus.

Dopo la conferma dell’attivazione del bonus vacanze attribuito al nucleo familiare, il richiedente e gli altri beneficiari che hanno già installato l’app IO possono visualizzarlo immediatamente nella sezione “Pagamenti”.

Sono riportate le seguenti informazioni:


• il codice univoco ed il QR-code associato, da comunicare al fornitore del
servizio turistico al momento del pagamento del soggiorno presso il fornitore stesso. Attraverso la funzione “Condividi” presente nella schermata di riepilogo del bonus, IO crea una copia del codice univoco e del relativo QR-code che il richiedente può inoltrare (come una semplice immagine) ai componenti del nucleo familiare che non hanno accesso all’app


• l’importo massimo dell’agevolazione spettante al nucleo familiare, con
separata indicazione dell’importo dello sconto e dell’importo della detrazione fruibile in dichiarazione


• l’elenco dei componenti del nucleo familiare risultanti dalla DSU presentata: uno qualunque tra questi potrà utilizzare il bonus al momento del pagamento del servizio turistico


• il periodo di validità entro il quale spendere il bonus (dalla data di attivazione al 31 dicembre 2020).

Altri argomenti della stessa categoria

POTREBBE INTERESSARTI

Pacchetto turistico con acquisti da fornitori esteri: quali adempimenti?

Buongiorno, ho organizzato un pacchetto di turistico comprensivo di voli, trasferimenti e prenotazione Euro Disney, ho ricevuto fattura...

Deve essere applicato il bollo sulle fatture 74ter?

per le pratiche 74ter EXTRAUE di valore...

Prenotazione hotel con Bedsonline: come fatturarlo al cliente?

Cliente straniero mi chiede prenotazione alberghiera per un gruppo a Barcellona, che effettuo al netto tramite Bedsonline (provider...

Come compilare al dichiarazione IVA per i costi 74ter esteri gestiti in reverse charge?

Nell’anno 2023 abbiamo iniziato a gestire i costi 74ter di fornitori esteri (ue e fuori ue) con reverse charge (integrazione/autofattura) ,...

Ritenuta sulle provvigioni assicurative dal 1 aprile 2014?

Le compagnie assicuratrici con la quale collaboriamo come Agenzia Viaggi per l'emissione delle polizze annullamento e sanitarie ci ha inviato...

Soggiorno in Italia prenotato attraverso operatore estero: necessario aggiungere IVA?

Il nostro corrispettivo su un soggiorno in Italia prenotato attraverso operatore con sede all'estero va registrata aggiungendo comunque IVA o...

IL CONCORDATO PREVENTIVO BIENNALE

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.Lgs. 13/2024, è stata data attuazione alla Legge delega per la Riforma fiscale (L. 111/2023) in materia di...

CONVERTITO IL MILLEPROROGHE

Il D.L. 215/2023, rubricato “Disposizioni urgenti in materia di termini normativi”, e ribattezzato c.d. Milleproroghe è stato convertito con L. 18/2024,...

Pratica in parte al netto ed in parte intermediata: come gestirla?

Necessiterei  di un parere di natura fiscale in merito al seguente quesito riguardante acquisto di servizi turistici in parte in...

Presentazione delle autocertificazioni attestanti gli importi necessari per la concessione dei contributi de minimis: Scadenza 8 marzo 2024!

Attenzione all'imminente scadenza dell'autocertificazione attestante gli importi dei contributi ricevuti per chi eccede i limiti de minimis, cioè per chi ha...