Home 9 News 9 Le spese promozionali della agenzia viaggio : spese di rappresentanza e commerciali

Le spese promozionali della agenzia viaggio : spese di rappresentanza e commerciali

da | Dic 2, 2015 | News

Nel precedente post abbiamo descritto molto brevemente le caratteristiche delle spese per omaggi della agenzia viaggio , ma nel corso della nostra attività di agenzia viaggio possiamo sostenere tante e diverse spese promozionali: ospitalità di clienti o di fornitori, eventi aziendali, allestimenti di mostre o fiere, ecc.

 Come si qualificano tali spese per l' agenzia viaggio ? ma soprattutto: il loro costo è interamente deducibile ai fini del calcolo delle imposte sui redditi? Possiamo cioè trarre dei benefici in termini di risparmio di imposta dalle spese che sosteniamo a fini promozionali?

Il fisco determina una prima fondamentale regola: “le spese suddette sono deducibili nel periodo di imposta di sostenimento, se rispondenti ai requisiti di inerenza stabiliti con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, anche in funzione della natura e della destinazione delle stesse”.

Fondamentale quindi il requisito dell’inerenza con l’attività da noi svolta.
Inoltre dette spese sono commisurate all'ammontare dei ricavi risultanti dalla dichiarazione dei redditi, sulla base di ben determinate percentuali:
- l'1,5 per cento dei ricavi e altri proventi fino a 10 milioni di euro;
- lo 0,6 per cento dei ricavi e altri proventi per la parte eccedente 10 milioni di euro e fino a 50 milioni;
- lo 0,4 per cento dei ricavi e altri proventi per la parte eccedente 50 milioni di euro.

Quindi il calcolo è abbastanza semplice: se i ricavi della nostra agenzia viaggi quest’anno sono pari ad euro 100.000,00, allora sapremo che potremo dedurci spese di rappresentanza fino al valore massimo di euro 1.500,00 (cioè l’1,5 per cento di 100mila euro) : oltre tale cifra non avremo più benefici fiscali.

È importante quindi definire esattamente la natura e la destinazione delle spese sostenute per la nostra agenzia viaggio , per sapere se deve essere applicato il limite percentuale di cui sopra: senza dilungarmi in questioni “tecniche” ritengo importante fare dei semplici esempi:

- Ospitalità di clienti per mostre e fiere: trattasi di spese per prestazioni gratuite verso i clienti attuali e potenziali dell’impresa sostenute in occasione di mostre e fiere: in tal caso trattasi di spesa di tipo “commerciale” e non di spesa di rappresentanza quindi il limite percentuale non si applica (cfr. circolare 34/e dell’agenzia delle entrate) e sono quindi interamente deducibili;
- Ospitalità di altri soggetti: trattasi di spese sostenute per l’ospitalità di soggetti diversi dai clienti (ad esempio fornitori o giornalisti) che partecipano a mostre o fiere: in questo caso si tratta di spesa di rappresentanza ed è soggetta al limite percentuale sui ricavi (cfr. circolare 34/e agenzia entrate);
- Ospitalità degli agenti: spese di vitto e alloggio a beneficio degli agenti: manca un collegamento diretto con il conseguimento di potenziali ricavi, e di conseguenza l’agenzia delle entrate qualifica tali spese come di rappresentanza, sono quindi soggette ai limiti percentuali in rapporto al fatturato;
- Allestimento di mostre e fiere: spese di trasporto, affitto e allestimento degli stand in cui sono esposti i beni e servizi offerti dallì’impresa: trattasi di spese commerciali interamente deducibili
- Viaggi turistici per i clienti: spese relative a viaggio, vitto e alloggio dei clienti attuali e potenziali, magari con esposizione di beni o servizi prodotti dall’azienda: vengono qualificate dall’agenzia delle entrate come spese di rappresentanza.

 

Devi essere registrato per continuare a leggere l'articolo

Visita la pagina di iscrizione per maggiori informazioni

Altri argomenti della stessa categoria

POTREBBE INTERESSARTI

Presentazione delle autocertificazioni attestanti gli importi necessari per la concessione dei contributi de minimis: Scadenza 8 marzo 2024!

Attenzione all'imminente scadenza dell'autocertificazione attestante gli importi dei contributi ricevuti per chi eccede i limiti de minimis, cioè per chi ha...

Fatture estere ricevute da fornitori: integrazione IVA e autofattura?

Sono a chiedervi chiarimenti in merito agli adempimenti da compiere di fronte alla ricezione di una fattura estera per acquisto di servizi...

Il concordato preventivo biennale: convenienza anche per gli operatori del turismo?

La Legge Delega di riforma fiscale ha previsto l’introduzione del c.d. “concordato preventivo biennale”, mediante il quale il fisco proporrà al...

Modifiche successive nelle pratiche e fatturazione commissioni

Nell'attività di intermediazione inerente alla vendita di crociere ci ritroviamo spesso a modificare le pratiche diverse volte per aggiunte o...

Compagnia aerea low cost non rilascia fattura: può costituire pacchetto turistico 74ter?

Nel caso in cui prenoto un hotel e un volo low-cost ma la compagnia di volo non mi rilascia nessuna fattura (ultimamente una low-cost...

Pratiche in intermediazione: come gestire i documenti elettronici ricevuti?

Con la presente vi chiediamo dei chiarimenti circa il trattamento contabile delle pratiche di intermediazione.Nello specifico caso in cui la...

LA LEGGE DI BILANCIO PER IL 2024

La L. 213/2023, c.d. Legge di Bilancio per il 2024, è stata pubblicata sul S.O. n. 40/L della Gazzetta Ufficiale n. 303 del 31 dicembre 2023. La Legge si...

I bonifici ricevuti da Viator, Get Your Guide ed altri booking system sono da fatturare?

Avrei bisogno di comprendere come considerare fiscalmente i bonifici che ci arrivano da Viator, Get Your Guide e dal booking system che...

Commissioni su crociere: vanno fatturate? Quale regime IVA va applicato?

Vi chiedo alcuni chiarimenti sulle commissioni riconosciute dalla vendita delle crociere. MSC o Costa inviano alla nostra agenzia di viaggio...

VERSAMENTO DELL’ACCONTO IVA PER L’ANNO 2023

Entro il prossimo 27 dicembre 2023 i soggetti che eseguono le operazioni mensili e trimestrali di liquidazione e versamento dell’Iva sono tenuti a versare...