Home 9 Il Commento di Giulio Benedetti 9 Perché nessun “ristoro” per le Agenzie Viaggi?

Perché nessun “ristoro” per le Agenzie Viaggi?

da | Nov 12, 2020 | Il Commento di Giulio Benedetti

Perché il settore Turismo, ed in particolare le Agenzie Viaggi, sembrano essere così “trascurati” dal Governo in questo periodo di crisi, con l’erogazione di ristori apparentemente minimi?

Prima considerazione: il Ministro dell’Economia Gualtieri ha più volte spiegato quali idee stanno alla base delle sue decisioni (n.b.: emblematica questa video-intervista: https://www.mef.gov.it/ufficio-stampa/articoli/2019_2023-Roberto_Gualtieri/Intervista-del-ministro-Roberto-Gualtieri-a-Piazza-Pulita-La7/  ) : i professionisti e gli agenti-intermediari (secondo lui) sono “solo persone” e non “imprese” come invece ritiene che siano i commercianti, gli artigiani, le aziende; nel senso che (sempre secondo lui) non investono capitali generando una struttura produttiva, conseguentemente non sono stati considerati in determinate tipologie di aiuti.

D’altronde, anche nel calcolo del Contributo a Fondo Perduto e del Fondo ADV e TO (le modalità di calcolo sono riepilogate in questo mio articolo: https://www.travelfocus.it/fondo-per-adv-e-to-tutte-le-regole-per-compilare-correttamente-listanza/ ) appare evidente la discrepanza basata sul fatturato: le agenzie viaggi che svolgono principalmente attività di intermediazione ricevono un contributo molto più basso (a parità di volume intermediato) rispetto alle agenzie viaggi che svolgono attività di organizzazione: perché il contributo è calcolato sul fatturato, e una agenzia viaggi intermediaria fattura solo la sua commissione sui pacchetti turistici, mentre una agenzia viaggi organizzatrice fattura l’intero valore del pacchetto turistico.

Al netto di quanto sopra, quindi, le Agenzie Viaggi organizzatrici / Tour Operator dovrebbero percepire ristori quantomeno pari a quelli che il Governo ha stanziato a tutte le altre attività produttive del nostro Paese: è effettivamente così?

Veniamo quindi alla seconda considerazione: dobbiamo porci una domanda: ad oggi le Agenzie Viaggi ed i Tour Operator a quali contributi/crediti d’imposta/aiuti in generale hanno potuto accedere?

In questo schema ho riepilogato tutti gli aiuti più significativi che l’enorme produzione normativa susseguitasi nei vari Decreti (Decreto Cura Italia, Decreto Liquidità, Decreto Rilancio, Decreto Agosto, Decreto Ristori, Decreto Ristori-bis) e relative Leggi di conversione hanno distribuito:

Tabella-comparativa-Decreti-Coronavirus
Tabella-comparativa-Decreti-Coronavirus

Sostanzialmente ADV e TO, come tutte le altre attività economiche del nostro Paese, rispettando le condizioni di ogni aiuto, hanno potuto e possono tutt’ora accedere ai seguenti aiuti:

  • Cassa integrazione ordinaria o assegno ordinario FIS,
  • Contributo a fondo perduto sul fatturato di aprile,
  • Indennità Inps (600 euro) Marzo ed Aprile,
  • Credito d’imposta locazioni mesi di marzo, aprile, maggio, giugno, ottobre, novembre e dicembre,
  • Finanziamenti senza garanzia fino a 30mila euro e garantiti dallo Stato per importi superiori,
  • Annullamento saldo 2019 e 1° acconto 2020 Irap
  • Proroghe varie di versamenti (dei mesi di marzo, aprile, degli acconti di novembre)

In aggiunta le Agenzie Viaggi e Tour Operator hanno beneficiato del famigerato Fondo ADV e TO con dotazione di oltre 600 milioni di euro per ristorare le perdite dal 23 febbraio al 31 luglio.

E’ sufficiente?

Sicuramente no.

Il settore del turismo garantisce circa il 13% del PIL Nazionale equivalente ad un giro d’affari di quasi 230 miliardi di euro, e quanto stanziato dal Governo copre solo in minima parte tali cifre, ma è indubbio che anche tutti gli altri settori economici non navigano di sicuro nell’oro grazie agli aiuti dello Stato.

Uno studio redatto dal Sole24Ore ha evidenziato l’incidenza che i vari aiuti (anche quelli ai quali le ADV e TO sono stati esclusi) hanno avuto sui fatturati: qui vedete il risultato:

 il ristoro si aggira da una media del 3% (tre per cento!) sul fatturato annuo per gli alberghi ad una media del 4,5% per le discoteche (le più “premiate” se così si può dire dal Decreto Ristori).

Percentuali davvero risibili, anche se il confronto avrebbe avuto più senso se calcolato sui margini, più che sui fatturati.

Insomma: alla fine dei conti, il tanto bistrattato settore Turismo non sembra essere in cattiva compagnia. La fotografia è quella di un’intero Paese allo stremo e con molteplici aiuti governativi che sembrano sempre più dei palliativi.

Altri argomenti della stessa categoria

POTREBBE INTERESSARTI

Presentazione delle autocertificazioni attestanti gli importi necessari per la concessione dei contributi de minimis: Scadenza 8 marzo 2024!

Attenzione all'imminente scadenza dell'autocertificazione attestante gli importi dei contributi ricevuti per chi eccede i limiti de minimis, cioè per chi ha...

Fatture estere ricevute da fornitori: integrazione IVA e autofattura?

Sono a chiedervi chiarimenti in merito agli adempimenti da compiere di fronte alla ricezione di una fattura estera per acquisto di servizi...

Il concordato preventivo biennale: convenienza anche per gli operatori del turismo?

La Legge Delega di riforma fiscale ha previsto l’introduzione del c.d. “concordato preventivo biennale”, mediante il quale il fisco proporrà al...

Modifiche successive nelle pratiche e fatturazione commissioni

Nell'attività di intermediazione inerente alla vendita di crociere ci ritroviamo spesso a modificare le pratiche diverse volte per aggiunte o...

Compagnia aerea low cost non rilascia fattura: può costituire pacchetto turistico 74ter?

Nel caso in cui prenoto un hotel e un volo low-cost ma la compagnia di volo non mi rilascia nessuna fattura (ultimamente una low-cost...

Pratiche in intermediazione: come gestire i documenti elettronici ricevuti?

Con la presente vi chiediamo dei chiarimenti circa il trattamento contabile delle pratiche di intermediazione.Nello specifico caso in cui la...

LA LEGGE DI BILANCIO PER IL 2024

La L. 213/2023, c.d. Legge di Bilancio per il 2024, è stata pubblicata sul S.O. n. 40/L della Gazzetta Ufficiale n. 303 del 31 dicembre 2023. La Legge si...

I bonifici ricevuti da Viator, Get Your Guide ed altri booking system sono da fatturare?

Avrei bisogno di comprendere come considerare fiscalmente i bonifici che ci arrivano da Viator, Get Your Guide e dal booking system che...

Commissioni su crociere: vanno fatturate? Quale regime IVA va applicato?

Vi chiedo alcuni chiarimenti sulle commissioni riconosciute dalla vendita delle crociere. MSC o Costa inviano alla nostra agenzia di viaggio...

VERSAMENTO DELL’ACCONTO IVA PER L’ANNO 2023

Entro il prossimo 27 dicembre 2023 i soggetti che eseguono le operazioni mensili e trimestrali di liquidazione e versamento dell’Iva sono tenuti a versare...